La vita, la guerra e l’abisso del ‘900 in 781 dipinti

«Memoria della memoria» di Marija Stepanova è un viaggio nella bellezza e nella tragedia—personale (dell'autrice) e collettiva (di tutti noi)—del secolo scorso. Ma è anche un libro che contiene al suo interno molti autori (Susan Sontag, Nabokov, Sebald, Turgenev, Dostoevskij...) e almeno altri due libri. Il primo è «Economia dell'imperduto» di Anne Carson (dove si esplora la responsabilità dei vivi verso i morti), l'altro è «Vita? O teatro?» di Charlotte Salomon, un diario per immagini, espressionista e doloroso, della Shoah

L’ opera d’ arte è uguale alla sporcizia

Tra i più originali teorici del contemporaneo, Nicolas Bourriaud pubblica un testo che è anche un manifesto contro il capitalocene, ultimo guaio dell’antropocentrismo predatorio. Qui riflette su un mondo promiscuo in cui trovare nuove forme di resistenza, in cui gli artisti devono contaminarsi, essere militanti e fuori luogo, proprio perché...

L’asfalto del Kosovo sul monastero serbo

Nonostante la legge la protegga, una strada minaccia l’enclave ortodossa di Decani, una struttura con 25monaci tutelata dall’Unesco. I militari italiani del contingente Kfor fanno la guardia, ma le ruspe incombenti sono il segno dei fragili equilibri della piccola repubblica (a maggioranza albanese e musulmana)mai davvero uscita dalla guerra